Avere 3 anni = Abbonamento alla Figuraccia

Campionato di figuraccia

Quando ti chiedono qual è la cosa che più ti piace dei bambini… stai attendo a rispondere “l’innocenza”. Dietro alla loro inconsapevolezza, oltre a tanta tanta dolcezza, si nasconde in agguato la… figuraccia. Attenti genitori, la figuraccia è una bestia felina che sta in agguato dietro i sorrisetti furbetti dei bambini e spicca un balzo per uscire allo scoperto e rivelarsi sempre nel momento più adeguato, ovvero quello meno opportuno.

gnomi_mammaio figuraccia
Thomas e il suo amico Filippo

Lo scorso giovedì ero in pizzeria con Anna (5 mesi), Gnomo Thomas (3 anni), il suo amico Filippo (4 anni) e la sua mamma Dania. La serata si svolge fra lievi strida di gioia e mediocri tonfi di macchinine sul tavolo, un comportamento che una mamma può orgogliosamente definire quasi educato (in fin dei conti non erano urla da mercato), comunque abbastanza contenuto da permettere a “noi grandi” di goderci una pizza senza dover correre fra i tavoli ad acchiappare bambini e senza bisogno di urlare minacciare. La confidenza cresce e Filippo vuole attaccare bottone anche con la mamma del suo amichetto. Bisbiglia ad alta voce nell’orecchio di Dania “Mamma, come si chiama lei?”. Fingo di non sentirlo e Dania può così rispondere in tono complice: Francesca.

A questo punto non mi ricordo se si sia effettivamente schiarito la voce per annunciare la sua affermazione a voce alta:

“Ehi, guarda quella signora al tavolo dietro, ha la parrucca!”.

Che fosse vero o meno non l’ho mai scoperto perchè da quel momento ho accuratamente evitato di guardarmi dietro le spalle. Dania ed io ci scambiamo una risata soffocata tra il pomodoro e la mozzarella.

Passa poco tempo e Thomas decide che deve andare in bagno. Si dirige verso il fondo del locale e poi torna indietro sconsolato, ciondolando e guardandosi i piedi. Capisco che il bagno era occupato. Dopo qualche minuto il signore che occupava i servizi esce e si siede al tavolo accanto a noi. Anche qui mi immagino una schiarita di voce che forse non c’era:

“Mamma, c’era quel brutto signore a fare pipì!”

mi spiega Thomas con volto sgomento e tono penetrante. Avrà sentito? Possibile che non abbia sentito?

“Thomas, non devi… Thomas… non puoi dire.. Thomas. Come te lo spiego che non è educato?”.

Penso che Dania sia soddisfatta del pareggio di figuraccia. La gara riprenderà alla prossima uscita.

Cristo Redentore - Rio de Janeiro
Cristo Redentore – Rio de Janeiro

I 2 amici continuano i loro giochi e con i loro disegni. Filippo si sente ispirato dal murales accanto a noi (la Baia di Rio de Janeiro con il Cristo Redentore) per un momento poetico: “Quella statua è altissima”
Dania: “è alta fino al cielo?”
Filippo: “No, di più!”
Dania: “Fino alla Luna?”
Filippo: “No, è alta come tutta la Vita“.

Tanto pagliaccetti quanto filosofi. Siete fantastici.

E voi? Quali figuracce vi hanno fatto fare i vostri figli?


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento, per le opzioni di condivisione sui social. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l\'uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi