Magica Argilla Verde

argilla verde ventilata
immagine da
http://rumoridallanatura.blogspot.it/2013/02
/argilla-verde-ventilatale-mille.html

Diventare mamma significa in fin dei conti porre un numero esponenziale sulle seghe mentali, che già di per se nel cervello femminile abbondano. Una di queste è: sono mesi e mesi che non faccio uso di medicine e mi pare cosa buona e giusta. Ora ho la sinusite: cosa posso fare! Respiro come un rinoceronte allergico e la testa pesa come un sacco di segatura bagnata. Una illuminazione viene da Elena, la mia amica-sorella: Argilla cara Franci! Orsù, davvero?

Ebbene sì, pensateci: l’Argilla è prescritta dagli ortopedici per sgnofiare le articolazione offese, viene anche usata per fare impacci rigeneranti… anche molti sciroppi contengono caolino, che è argilla finissima. Mi tornano in mente le lezioni di cristallografia: il caolino ha un potere assorbente enorme, ed è capace a legare a sè un sacco di elementi. E ora scopro che è un toccasana per il raffreddore, donando sollievo immediato.

Come fare?

  • Compra qualche etto di argilla verde in polvere
  • con un cucchiaio di legno, in una ciotola (non plastica o metallo) metterne un po’ e mescolare fino a ottenere un composto fangoso e pastoso
  • applicare su tutta la fronte.

Ma sai che ti dico? Tanto che ci sono mi faccio anche una maschera pre il viso, che male non fa! Non c’è nulla di meglio per togliere fatica, residui di trucco invisibile, pellicine indesiderate e sgrassare un po’.

Lasciare in posa una mezzoretta, tempo di farla asciugare un po’, e poi via, togliere con acqua tiepida.

SOLLIEVO!!! Respiro e mi sento leggera.

Certo poi una ci prende gusto, e ci sono le varianti: per la maschera di bellezza si può aggiungere un cucchiaino di miele e/o qualche goccia di olio essenziale: di Tea Tree se vuoi purificare, di Jojoba, Argan, olio di germe di grano o rosa mosqueta se vuoi ammordire e idratare… le possibilità sono infinite! Voi ne conoscete altre?

Lo Gnomo ha riso tanto a vedere la mamma con la faccia da Hulk… menomale che non si è spaventato!  😉

Ora la maschera la faccio una volta alla settimana (venerdì, prima del weekend!) e a conclusione faccio un impacco di acqua fredda e aceto di mele, astringnete e illuminante: in un bicchiere di acqua bastano un paio di cucchiai di aceto. E che pelle! 🙂

Certo… per un dieci minuti avrai un sentore di insalata… ma c’è di peggio, no?


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento, per le opzioni di condivisione sui social. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l\'uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi