Pannolini lavabili, economici ed ecologici

Mi sto per addentrare in una nuova avventura… con l’arrivo della nuova pupa (mancano ormai poche settimane!) voglio iniziare ad usare i pannolini lavabili. Perchè Franci, ti vuoi complicare la vita, costringendoti a dover pulire cacche, mettere su lavatrici, far asciugare panni ecc ecc?

Il primo pensiero che ho avuto è nel rispetto dell’ambiente. Lo sapete che il 10% di tutto l’ingombro dei rifiuti del pianeta è di pannolini? Altro aspetto da non trascurare è quello economico. Vi siete mai chiesti quanto spendete in pannolini?

mammaio_pannolini

Condivido con voi un estratto di un articolo di Altroconsumo che vi consentirà di fare le valutazioni che ho fatto io.

Ogni bimbo, nei suoi primi tre anni di vita, cambia circa 6.000 pannolini, che si trasformano in una tonnellata di rifiuti non differenziabili, il 10% di tutti i rifiuti urbani (si presume necessitino di 500 anni per decomporsi). Se in termini di praticità, dunque, gli usa e getta sono imbattibili, lo stesso non può dirsi per quanto riguarda l’impatto ambientale ed economico.

In generale, invece, è sicuramente vero che usare i pannolini lavabili porta ad una netta riduzione dei rifiuti (da quasi una tonnellata a pochi chilogrammi), ma anche qui non è detto che l’impatto globale sull’ambiente sia minore, a causa del consumo di acqua ed energia necessari per il lavaggio e l’asciugatura dei pannolini. È proprio il tuo comportamento ad avere un effetto estremamente elevato sull’impatto ambientale. I pannolini lavabili, infatti, sono composti sostanzialmente da tre parti: struttura esterna in stoffa (mutandina), parte assorbente in cotone removibile, eventuale velina usa e getta.

E se questo non bastasse, cosa ne dite dell’aspetto economico?

Abbiamo calcolato, nel complesso, il costo annuo dei pannolini:

Se il nostro migliore acquisto comporta una spesa di 419 euro all’anno (calcolando 6 cambi al giorno per 365 giorni), i più costosi arrivano a farci spendere ben 845 euro. Il costo medio annuale per i pannolini usa e getta è comunque di 590 euro.
Per quanto riguarda quelli lavabili, considerando all’incirca 20 pannolini (tutte le parti incluse, anche le veline) per due anni e mezzo, più i relativi bucati in lavatrice (acqua, energia e detersivo, circa 20 euro all’anno, considerando che la lavatrice ce l’hanno già tutti e non si acquista apposta), ci costeranno invece in media in un anno tra 250 e 330 euro, meno, dunque, anche dei più economici usa e getta.

mammaio_pannolini3Nonostante questi dati, ero restia a provare per una questione di tempo e pigrizia. Mi hanno convinta alcune mamme che li usano ed assicurano che, una volta presa la mano, non è assolutamente un problema gestirli.

Per di più i bambini abituati a questa soluzione, in media tolgono il pannolino molto prima degli altri perchè fanno in tempo ad accorgersi che si stanno bagnando il sederino prima che si asciughi tutto.

Altro aspetto che potrebbe convincervi è la varietà di fantasie e colori… c’è davvero da sbizzarrirsi… esiste addirittura la possibilità di farsi fare pannolini personalizzati!

Io sono convinta ormai, tanto che come “lista bebè”, per chi mi chiede cosa possa servire, rispondo “un pannolino lavabile, grazie!”.

[grwebform url=”https://app.getresponse.com/view_webform_v2.js?u=B5tFu&webforms_id=4721802″ css=”on” center=”off” center_margin=”200″/]


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento, per le opzioni di condivisione sui social. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l\'uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi